IL PERSONALE INFORMATICO. CHI e COME.

Nell’ultimo articolo abbiamo introdotto l’argomento della selezione degli informatici nelle PMI.
In seguito a commenti e richieste di chiarimenti pervenuti abbiamo pensato di pubblicare alcune valutazione relative alle nostre esperienze.
Si tratta perlopiù di consigli e precauzioni da adottare da parte dell’Azienda per cautelarsi da “sorprese” spiacevoli.

LE FIGURE PROFESSIONALI – Chi le sceglie? Chi le dovrebbe scegliere?

Vediamo anche di rammentare nuovamente la separazione dei ruoli relativi a sistemi informatici o sistemi informativi.

Il sistema informatico richiede una capacità prevalentemente “sistemistica”, vicina, cioè, ad hardware, sistemi operativi e tools complementari ed acquisibile anche al di fuori dell’esperienza diretta. Purtroppo il mondo scolastico ed accademico italiani offrono una visione spesso limitata e lontana dal mondo del lavoro. Molte aziende hanno preferito “accollarsi” l’onere economico della sostituzione di un intero sistema informatico efficiente per non aver trovato figure in grado di gestire quello adottato. Sono anche molti i linguaggi di programmazione “didattici” che non hanno mai avuto utilizzo operativo.
La selezione di questi candidati può essere tranquillamente affidata a società di selezione alle quali, però, debbono essere forniti parametri tecnicamente restrittivi forniti dalla direzione aziendale. Si deve tenere presente che ogni margine di flessibilità consentito in questa occasione può obbligare a spese indesiderate e/o non indispensabili.

Differente discorso per chi si occupa del sistema informativo.
La selezione del responsabile del sistema informativo (EDP Mgr, IT Mgr, CIO) dovrebbe essere curata direttamente dalla direzione aziendale. Questo perché questa figura occupa una posizione decisionale o quantomeno propositiva con la quale deve costantemente interfacciarsi.
I suoi interlocutori saranno lo staff dirigenziale e decisionale dell’azienda che non debbono necessariamente parlare “informatichese” per spiegare necessità e formulare richieste. L’EDP deve parlare di bilancio col responsabile amministrativo, di MRP col responsabile produzione o suggerire come estrarre i dati per un corretto controllo di gestione. Anche se preferibilmente proveniente da ruoli informatici si tratta di una persona che sarà più vicina all’azienda che ai computers, ma in grado di gestire collaboratori informatici interni ed esterni.
Il responsabile del sistema informativo avrà anche la responsabilità della decisione finale sulla scelta di tutte le altre posizioni informatiche che gli dovranno essere gerarchicamente sottoposte. Dovrà, all’occasione, formare una squadra affidabile ed efficiente, possibilmente affiatata, e saperla gestire più con autorevolezza che con autorità.
Anche la responsabilità della rispondenza del software gestionale, o ERP, alle esigenze aziendali ricade sulle spalle e sulla professionalità di questa figura.
Un servizio esterno di ricerca del personale, se utilizzato in questo caso, deve operare in perfetta simbiosi con la direzione aziendale.

CONSIGLI e PRECAUZIONI

Un consiglio importante è affidarsi, quando necessario, a società di selezione professionali che conoscano le aziende e la loro struttura.
Troppo spesso vediamo, nei ruoli informatici, ricerche che poco o nulla hanno a che fare con l’informatica.
Per esempio a volte sono presenti ricerche di disegnatori CAD (oltretutto senza specificare quale CAD) che sono spesso utilizzatori di un singolo programma, come la maggior parte degli impiegati. Sarebbe come avere bisogno di un autista e cercare un progettista di motori senza specificare se automobilistici o aeronautici oppure necessitare di una centralinista e mettere inserzioni per un “esperto di telecomunicazioni”.
In breve cercate di valutare se i selezionatori contattati hanno mai messo piede in un’azienda, magari simile alla Vostra.
Altro fattore da tenere presente è la coerenza delle richieste.

Ad esempio:
Se cercate un programmatore RPG2 o un sistemista SSP difficilmente avranno meno di 50 anni mentre un programmatore per mobile Android altrettanto difficilmente ne avrà più di 35. I primi offriranno esperienza, i secondi costi bassi. Un programmatore COBOL con meno di 40 anni sarà con tutta probabilità un basso profilo di un istituto di credito.

Qualora foste interessati ad approfondire l’argomento trattato in questo articolo: info@studiopanella.it (Bologna)

Studio Panella (Bologna) – www.studiopanella.it
 

Lascia un commento